Roberto Benigni a Sanremo 2011 per 200.000 euro?

Roberto Benigni non parteciperà a titolo gratuito a Sanremo 2011: non si ripeterà, per il dispiacere del direttore generale della Rai, il regalo fatto dal premio Oscar agli amici Fazio e Saviano per Vieni Via con Me. A poche ore dall’annuncio ufficiale della presenza di Benigni all’Ariston giovedì 18 febbraio per la serata sull’Unità d’Italia, le agenzie battono le prime ipotesi di cachet: si parla di 200.000 euro, la tariffa ’standard’ dell’attore. Di fatto un ‘prezzo di favore’, considerato che una sua esibizione al Festival vale commercialmente molto di più.

Sanremo2011 benigni cachet

Roberto Benigni ci fa un grande regalo: sarà a Sanremo 2011 nella serata dedicata all’Unità d’Italia per raccontarci la nascita dell’Inno di Mameli“: così Gianni Morandi, emozionato ed entusiasta, ha annunciato l’arrivo di Benigni all’Ariston durante il Question Time di oggi.
Per un momento il frequente riferimento al ‘regalo’ ha fatto pensare a una nuova partecipazione gratuita dell’attore e regista toscano dopo l’exploit di novembre a Vieni Via con Me. Ma quella era una situazione davvero straordinaria, alla quale Benigni ha partecipato soprattutto per l’amicizia che ha con Fazio e Saviano e per la volontà di lanciare un progetto che ha rischiato di non vedere la luce per le ‘perplessità’ del CdA Rai sui costi. Per tagliare la testa al toro, Benigni partecipò a gratis, conquistando per RaiTre oltre 7 milioni di telespettatori.

Ma Sanremo è un’altra cosa: per quanto il direttore generale della Rai Mauro Masi ci abbia provato – facendo leva sulle difficoltà economiche della Rai perché Benigni accettasse un nuovo incarico ‘per la gloria’ o per fare in modo che rifiutasse, chissà – Benigni arriverà all’Ariston previo pagamento.
Stando però alle cifre che circolano, Benigni avrebbe comunque fatto un regalo al Festival e alla Rai, accettando il cachet standard, senza “maggiorazioni sanremesi che tante star chiedono per partecipare all’evento televisivo più seguito dell’anno” si fa sapere in sala stampa. Un prezzo di favore, quindi, di cui però non c’è certezza: pare debba essere ancora firmato lì’accordo definitivo, ma considerato che ormai l’annuncio è stato fatto in pompa magna, è difficile che si possa tornare indietro.

ecco i video presi da you tube:

Prima parte

Seconda parte